nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo

Mezzemaratone e dintorni

La Transmarathon, ovvero benvenuti al Sud. Giunta alla XI edizione e disputatasi dal 16 al 21 agosto, è una gara di 5 tappe che si svolge su sentieri e strade del Cilento, territorio della Campania meridionale che si distende, quasi una penisola, fra i golfi di Salerno e di Policastro. E’ il luogo reale della vicenda dell’impiegato statale milanese trasferito a Castellabate. Infatti, la Libertas, società organizzatrice, è di Agropoli, a due passi da Castellabate, ed una delle tappe parte proprio da Santa Maria di Castellabate. Ma la Transmarathon è soprattutto una metafora di “Benvenuti al Sud” per il trattamento che riserva ai partecipanti e per il portare alla ribalta una subregione di bellezza eccelsa, ignorata e sconosciuta. Sono luoghi isolati in cui si viene di proposito. Il prevenuto nordista conobbe questi posti, e ne rimase sorprendentemente ammaliato, per esservi stato spedito d’autorità.

Ventuno chilometri spettacolosi, la MareMonti, che da Castellammare di Stabia (NA) porta a Sorrento. Percorso ancor più romantico per la splendida giornata primaverile: il mare luccicava e non spirava forte il vento. Su questo tratto di costa, la natura è stata estremamente generosa ricamando gole, insenature e baie fra i monti che scendono scoscesi a mare. E’ stata anche misericordiosa per aver occultato, con una lussureggiante vegetazione, un’eccessiva urbanizzazione. Il Creatore ha tracciato questo percorso, ma l’aver programmato una mezza maratona con i fiocchi è esclusiva opera degli organizzatori. Tutto è stato super, dal testimonial, Stefano Baldini, alle…salite, discese, curve, controcurve.

Scoppiano di salute “Le Colline di Napoli”, poste nelle mani del dottor Benedetto Scarpellino, Benny per gli amici. La corsa a tappe di tre giorni (17-18-19 settembre) ha compiuto otto anni, e chi meglio di un pediatra poteva prenderla in cura? Ha stabilito il quartier generale sulla storica collina di Capodimonte e, dall’Hotel Villa di Capodimonte, ha diretto le operazioni. E’ bella Napoli, vista da quest’alto colle, adagiata tra le gobbe del sonnacchioso Vesuvio ed il mare. Ma non è finita. Altre cose belle, paesaggistico-artistico-sportive, il dottore ha in serbo per gli oltre 250 partecipanti.

Una marea di gente, 2048 concorrenti, ha partecipato alla 2^ Edizione della “Vivibarletta”, gara podistica di 10 km, organizzata da Barletta Sportiva. Nata soltanto due anni fa, questa società sportiva ha fatto miracoli, grazie all’impegno profuso nel propagare i valori genuini dello sport amatoriale: ruolo terapeutico dell’impegno fisico, buoni sentimenti, senso civico.

Sabato le risaie di Vercelli, domenica i castelli di Barchi. Doveva essere un fine settimana di fuoco: hoc erat in votis! E’ stata, invece, una “due giorni” di paglia. Un impegno mi ha costretto a rimanere in loco, e fare un pensierino ai 10 km della XIV Diomediade di Canosa di Puglia. Una corsa breve prevede il ricorso ad un’ampia falcata, un lusso che non posso permettermi. Allo stato attuale, il ginocchio ds. mi concede un’escursione articolare fino a 30°, oltre, comincia a piagnucolare. Con un “range” così limitato, usando un passo radente, ho portato a termine le ultime maratone. Conoscendomi – nella competizione avrei strafatto -, per evitare rischi, non ho corso. Ho fatto l’autista alla sig.ra Angela Gargano, l’ho assistita nel pre-gara, al momento dello sparo le ho dato il bacetto augurale, infine ho pensato a me facendo il turista.

Tutto mare, questa Edizione. Esclusivamente mare. Da levante a ponente, e ritorno.

E’ stata scelta la soluzione di partire dalla litoranea di levante – e non dal centro-città come negli anni precedenti – per offrire agli oltre mille partecipanti un più facile accesso al luogo della gara, ampi spazi di parcheggio, maggiori servizi. Certamente non perché l’Atletica Disfida di Barletta non è stata in grado d’imporre alle Autorità la partenza dal cuore cittadino. Sfortunata quella città che si rifiuta di accogliere nel suo grembo quella moltitudine amante dello sport da fatica!

Pagina 1 di 2